Il nuoto agonistico giovanile

"Le cose di solito funzionano così. Individuato il ragazzino o la ragazzina nei corsi, il giulivo responsabile tecnico convoca i genitori e dà loro la lieta novella, che da domani il corso bisettimanale di 45 minuti è sostituito da 6 allenamenti settimanali di due ore! Quando ho iniziato la mia carriera di tecnico al Centro CONI di Firenze negli anni ’60, per conquistare un posto tra i 200 prescelti per i corsi di avviamento agonistico (con una selezione fisica mutuato dai programmi eugenetici nazisti), i genitori si mettevano in fila alle 6 della mattina..."

Continua a leggere su AQArivista

Ultima modifica ilLunedì, 07 Novembre 2016 12:51
(0 Voti)
Letto 1072 volte

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.